Venezia in ginocchio

Il Giornale 14 novembre 2019

“Ma noi abbiamo il #Mose – gridano i veneziani lungo le calli – noi abbiamo il Mose che ci salverà». Ma #Venezia non si salva. E affonda.

È la sera del 12 novembre. È notte. Fa freddo. Ed è buio pesto. Venezia combatte con l’acqua alta. «Forza su, dai che scende», gridano. Ma all’improvviso il mare sale. Sale a ritmo costante, tre, quattro, cinque centimetri ogni dieci minuti. Un metro. Un metro e cinquanta. Un metro e sessanta. Un metro e settanta. Alle 22.50 la lancetta dell’idrometro è agghiacciante. Un metro e 187 centimetri (con danni alla Fenice, in centro e alla Basilica). La gente inizia a scappare. I titolari iniziano a fuggire dai locali. Impossibile rimanere dentro, si rischia di morire annegati. Il vento spinge le barche sulla terra, i vaporetti iniziano a roteare, i pontili si spaccano, le barche colano a picco, tre vaporetti affondano. Le paratie non reggono. Le gondole sbattono contro le vetrine dei negozi. Le luci collassano, i tavoli traballano, ballano in mezzo al mare, come fossero giù, sotto a un fondale. L’acqua arriva alle anche, la gente non sa più che fare. Intanto i morti salgono a due. Il Consiglio regionale in corso viene sospeso. I consiglieri bloccati dentro al palazzo, si rifugiano ai piani superiori. I divani e le poltrone ondeggiano lungo le sale. Sembrano scene di un film catastrofico. Invece è tutto vero. «Questo non è uno spettacolo – scrive Tomaso Borz. su Facebook, giornalista veneziano – per la seconda volta nella storia, dopo il 4 novembre 1966 (194 cm), l’acqua alta ci ha stesi». Già stesi. In giro è il caos. Le sirene partono. I soccorsi si mobilitano. Luca Zaia attiva l’unità di crisi, il sindaco Luigi Brugnaro chiede lo stato di calamità. Viene indetta una conferenza stampa con il patriarca di Venezia, il capo della protezione civile Angelo Borrelli e il capo dei vigili del fuoco Fabio Dattilo. Venezia è in ginocchio. E il giorno dopo in giro c’è rabbia e disperazione…”

Quello che ho visto, quello che ho raccolto, quello che ho ascoltato lo trovate in questo pezzo.

#sbetti 👇👇👇

http://www.ilgiornale.it/news/politica/apocalisse-nella-laguna-due-morti-danni-e-paura-mai-visto-1784000.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...