Ovunque regna la sciatteria assoluta

Ieri mattina ho chiesto a un operatore dell’Agenzia delle Entrate se fosse consapevole di lavorare all’Agenzia delle Entrate. O se per caso pensasse di lavorare sulla Luna.
Gli avevo chiesto una cosa inerente alla dichiarazione dei redditi e mi ha risposto che lui fa codici fiscali e non è tenuto a dare certe informazioni. Mi ero presentata come contribuente.
Ora questo fa parte della imbecillità del lavoro.
Ossia viviamo in un mondo dove c’è gente imbecille che imbelle. Imbellere nel proprio lavoro significa non essere in grado di portare a compimento una mansione. E di essere così talmente incompetente da non potersi porre nemmeno domande.
Del resto ovunque ti giri è una disperazione. In tutti i campi regna la mediocrità assoluta. La sciatteria. La cialtronaggine. L’incompetenza. Gente totalmente mediocre che si crede arrivata. Presuntuosa. A volte pure arrogante e pure supponente. Che anche se in torto marcio pretende di avere ragione.
Molte volte questa gente viene soppiantata da persone ben più preparate ed etiche moralmente e professionalmente (fortuna ha voluto che le incontrassi nel mio lavoro) che però nonostante il loro (nostro) sforzo faticoso e particolarmente meticoloso non riescono ad alzare l’assicella della fiducia che i cittadini dovrebbero riporre verso alcuni settori.
La mia telefonata con la agenzia delle entrate è iniziata alle nove del mattino. Per concludersi alle 11.30 del mattino stesso. Due ore al telefono. In cui parlare con l’Agenzia delle Entrate è pressoché impossibile. Una serie infinita di rimandi.
Digiti tasto uno. Digiti tasto due. Digiti tasto tre. Dica il suo codice fiscale. Siamo spiacenti ma il codice non è compreso a causa di problemi con la lingua. Si invita a riprovare più tardi.
Per informazioni di carattere fiscale digiti il tasto uno. Per informazioni di accesso ai nostri servizi telematici digiti il tasto 2.
Digitato il tasto 2, rispondono che “è possibile verificare sul nostro sito se le questioni possano essere risolte”. Altrimenti si consiglia di scaricare l’app con l’assistenza virtuale. Digitare 2 se si vuole essere richiamati il 2 maggio alle 14.30.
Digitare 3 se si vuole essere richiamati il 2 maggio alle 15.30. Digitare 3 per tornare al menù principale. Digitare 4 se si vuole andare a cagare. Per parlare con un operatore digitare 1. Siamo spiacenti ma tutti i nostri consulenti sono occupati. La consigliamo di riprovare. Tu tu.
Dopo due ore riesco a parlare con un operatore del sud che mi risponde che lui non è autorizzato a darmi questo tipo di informazioni. Nonostante mi sia presentata come cittadina contribuente e che lui si occupa di codici fiscali e non di dichiarazione di redditi. Richiamo. Rifaccio tutta la trafila e riesco a mettermi in contatto con un altro operatore che mi dice che “per la delega può rivolgersi a un caf autorizzato. Questo dicono le normative e noi siamo tenuti a rispettare quello che decide il Governo”. Certo. Ci mancherebbe.
Chiamato il caf, il caf non risponde.
Al terzo tentativo: “Signora ma Tizio è iscritto al sindacato? Noi forniamo assistenza solo per gli iscritti. Si deve iscrivere e poi per la delega sono 50 euro”.
Andate a cagare.

#sbetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...